Interpellanza avente per oggetto:

Cosa succede all'AEB?

Signor sindaco,

sulla stampa di questi giorni, come troppo spesso avviene per le cose importanti che i Consiglieri Comunali dovrebbero conoscere prima dei giornalisti, leggo due notizie che non possono non allarmarmi.

La prima riguarda l'affidamento del trasporto pubblico di Seregno ad una società privata risultata vincitrice della gara d'appalto.

La seconda riguarda la possibilità non troppo remota di una aggregazione dell'AEB con l'AGAM di Monza.

Rispetto al primo punto, ammettendo l'impossibilità dell'affidamento diretto, rimane da spiegare come mai l'azienda seregnese non si sia aggiudicata l'appalto ed è legittima la preoccupazione dei lavoratori relativamente al loro futuro. Come è legittima la nostra preoccupazione dal momento che vediamo privatizzare un servizio una volta pubblico. È infatti esperienza corrente che questo genere di trasformazioni siano spesso accompagnate da problemi occupazionali e relativi alla qualità del servizio. Si ha quasi l'impressione di una sconfitta voluta o meglio una vittoria dell'appalto non fortemente cercata...

Rispetto al secondo punto le preoccupazioni aumentano in quanto l'AGAM non è un'azienda a capitale interamente pubblico e dunque si configurerebbe una operazione di privatizzazione, anche se per ora parziale, dell'AEB medesima. Non era questo l'impegno di questa amministrazione al momento della creazione dell'AEB.

Rifondazione Comunista non ha più il suo rappresentante nel Consiglio di Amministrazione dell'AEB a causa dell'esclusione perpetrata da questa maggioranza ed ora ci sembra chiaro il motivo. Conseguentemente non abbiamo la possibilità di avere il polso della situazione e di agire in modo tempestivo.

Chiediamo perciò che il sindaco relazioni in merito ai due punti sollevati.

Distinti saluti.

Giuseppina Minotti,
(capogruppo del PRC)
Seregno, 22 settembre 2004
Consiglio Comunale di Seregno,
Milano - Italia