Area ex Medaspan

Va ripensata la realizzazione del centro commerciale

Valutazioni sull’incontro con Sindaco e Giunta del 28/06/05

Il 28/06/05, dopo richiesta collettiva, il gruppo dei promotori della PETIZIONE POPOLARE contro il CENTRO COMMERCIALE “POLIVALENTE” (SINISTRA e AMBIENTE, MEDA DOMANI, LA MARGHERITA, UNIONE COMMERCIANTI, COMITATO CITTADINO CONTRO IL CENTRO COMMERCIALE, COMITATO PER L’INTERRAMENTO F.N.M.) è stato ricevuto dal Sindaco Adelio Asnaghi e dalla sua Giunta. Lì sono stati consegnati i moduli della PETIZIONE POPOLARE” con, al momento, 1216 firme di cittadini che hanno condiviso iniziativa e proposte dei promotori.

Il gruppo dei promotori ha inoltre chiaramente illustrato i motivi di dissenso e perplessità sul progetto di centro commerciale “polivalente”.

Dall’incontro è emersa, purtroppo, una volontà politica di quest’amministrazione di Centrodestra poco propensa a considerare il parere dei cittadini quando questo è difforme dal suo.

Il tentativo del Sindaco teso a svilire il numero di firme raccolte (1216) accompagnato da affermazioni che ancora un progetto non esiste dava già il polso della “grand’apertura mentale” di chi ci stava dinanzi.

Peccato, poiché proprio gli scriventi hanno in passato visionato “il progetto” che si configurava proprio come un CENTRO COMMERCIALE.

Successivamente, è emersa, nemmeno troppo nascosta, la volontà politica d’Asnaghi & C. di “particolare sensibilità e disponibilità” verso le esigenze del privato (proprietà area ex Medaspan) ad evidente discapito dei BISOGNI della COLLETTIVITA’.

Sindaco e Giunta, hanno da una parte tentato di accreditarsi un’immagine di soggetto aperto al dialogo, salvo immediatamente smentirsi con dichiarazioni tese abilmente a far passare e mascherare il progetto di centro commerciale “polivalente” come un’opera “polifunzionale” fatta “per il bene di Meda” e per portare nuovi servizi al paese.

Nella perfetta logica di aggirare il problema, ingannando la cittadinanza, hanno addirittura ipotizzato che le attività commerciali saranno limitate e inserite in un secondo tempo.

Chiaro il tentativo, ormai non nuovo, di confondere, nascondere e rimescolare le carte.

Dove sia il cosiddetto dialogo è veramente difficile comprenderlo, visto che ancora una volta, come un disco rotto, l’Amministrazione ha ripetuto un copione comportamentale di basso livello, senza alcun minimo sforzo d’analisi sulle ricadute per ambiente e viabilità che l’insediamento del centro commerciale comporterebbe per Meda. Non lo diciamo per atteggiamento pregiudiziale, ma proprio per riscontro e sensazione scaturita nel corso dell’incontro.

All’Amministrazione di Centrodestra d’Asnaghi, diciamo che il suo fregiarsi di un’immagine d’attenzione allo sviluppo ecocompatibile è puramente strumentale e non corrispondente alla realtà dei fatti.

L’abbiamo verificato anche sul problema centro commerciale “polivalente”.

L’attuale maggioranza, se vuole darsi un’operatività ecocompatibile VERA e non fasulla, deve tenere presente quei pronunciamenti e quelle indicazioni di chi vuole un paese vivibile a partire da un totale ripensamento rispetto alla realizzazione del centro commerciale.

A loro chiediamo, per l’ennesima volta, che alla proprietà dell’area ex Medaspan, siano proposte e consentite delle soluzioni all’interno di vincoli urbanistici precisi, a partire da quelli dell’attuale PRG. In ogni caso, qualsiasi progetto sull’area ex Medaspan, deve prendere in esame tutte le possibili soluzioni di MINORE IMPATTO AMBIENTALE per la nostra cittadina considerando che il Centro Commerciale “Polivalente” non è OPPORTUNO perché crea più disagi che opportunità.

Sottolineiamo inoltre come qust’opera è incompatibile con i pronunciamenti della Consulta Urbanistica (fortemente voluta dal Sindaco stesso).

La stessa, ha ribadito la necessità di sviluppare l’asse commerciale NEL CENTRO STORICO, recuperando e riqualificandone la struttura esistente senza snaturarla.

Continueremo pertanto, a tenere viva l’attenzione su questa problematica per ottenere soluzioni DIVERSE e non INGANNEVOLI sull’uso dell’area ex Medaspan.

Sinistra e Ambiente (Alberto Colombo, Luigi Ponzoni)
Meda, 30 giugno 2005