• Senza titolo 19 Novembre 2018
    Lombardia: la favola dell'alberello e del fiumicello A differenza della Val Susa e di altri territori Resistenti alle Grandi Opere Inutili e Imposte (GOII) in Lombardia tutte le GOII sono state completate salvo l'autostrada Pedemontana. Cioè tutte quelle opere che avrebbero dovuto essere pronte per la mamma delle opere inutili che fu Expo2015, come le […]
    Unknown
  • Senza titolo 10 Maggio 2018
    LETTERA A PEPPINO Caro Peppino, sono passati 40 anni da quando la violenza mafiosa ha pensato di spegnere il grande fuoco di Libertà, di Verità e di emancipazione dalla cultura feudale mafiosa, che avevi acceso da Cinisi e in tutta la Sicilia. Un fuoco che si doveva spegnere su quei binari della ferrovia dove i […]
    Unknown
  • Senza titolo 5 Maggio 2018
    MAGGIO 1978 - MAGGIO 2018 40° anniversario dell'assassinio mafioso di Peppino Impastato Come allora presenti per continuare con sempre più impegno e determinazione.
    Unknown

Rifondazione Comunista della Lombardia a fianco dei lavoratori della grande distribuzione in lotta per il contratto, il salario, i diritti.

Sciopero della grande distribuzione - 4/11/2015

Sciopero della grande distribuzione – 4/11/2015

In occasione della giornata di mobilitazione e sciopero della grande distribuzione del 7 novembre, promosso dalle organizzazioni sindacali del settore, Rifondazione sostiene con forza i lavoratori in lotta per il contratto e contro l’attacco ai diritti e al salario.
Lo sciopero ha una valenza importante per tutto il mondo del lavoro perché avviene in un settore dove da anni vengono sperimentate le forme di flessibilità e precarietà più selvagge nella direzione della subordinazione più completa del lavoro all’impresa e al mercato, fino alla messa in discussione della vita privata e familiare dei lavoratori.
Dove non solo ci si scontra con l’arrogante chiusura delle imprese verso il contratto scaduto da 22 mesi, ma si  tenta di imporre un arretramento dei diritti normativi e una diminuzione del costo del lavoro in vari modi come la cancellazione degli scatti di anzianità, la diminuzione dei permessi retribuiti, l’aumento della flessibilità dell’orario,  la diminuzione del costo dell’ora lavorata, la riduzione delle maggiorazioni supplementari per il lavoro straordinario, domenicale, festivo e notturno, il peggioramento del trattamento economico della malattia.
Per noi questa lotta ha un’importanza particolare anche per l’alta presenza, nel settore, di giovani e soprattutto di donne, la componente del mondo del lavoro che subisce le peggiori forme di oppressione, discriminazione e sfruttamento.
Per questi motivi Rifondazione Comunista sostiene con forza lo sciopero della grande distribuzione del 7 novembre e invita le proprie organizzazioni territoriali a contribuire a tutte le iniziative per il successo della lotta dei lavoratori per i diritti, il salario, il lavoro.

La Segreteria Regionale – P.R.C. / S.E. Lombardia
Milano, 6 novembre 2015

Leave a Reply