• Senza titolo 15 Marzo 2021
     A Monza “urbanisticà” non fa rima con legalità   Nel luglio 2020, a dieci anni dall’operazione “infinito” la D.ssa Alessandra Dolci, Procuratore della DDA di Milano, in una intervista ad un settimanale monzese, fra le altre, rilascia la seguente dichiarazione, alla domanda: Come avviene il contatto della ’ndrangheta con gli imprenditori. E quali sono i […]
    Unknown
  • Senza titolo 23 Febbraio 2021
     MONZA. IL PARTITO DEL MATTONE HA INIZIATO LA CAMPAGNA ELETTORALE.   Solitamente le elezioni comunali la destra fascio-leghista e mafiosa le vince sfruttando tre filoni di gestione della “res-publica”. Tasse, urbanistica e sicurezza (intesa in senso sicuritario) non nel senso della protezione sociale. Così nel 2017 la destra monzese cavalcò il “malcontento” sulla presenza degli immigrati […]
    Unknown
  • Senza titolo 27 Agosto 2020
     Libro inchiesta"L'onda nera nel Lambro"Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento abusivo di idrocarburi nel fiume LambroAutore Marco FracetiPrefazione di Vittorio AgnolettoRecensione di Laura Tussi e Fabrizio CracoliciMimesis Edizioni “L’onda nera nel Lambro. Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento abusivo di idrocarburi” è un importante libro di inchiesta scritto dall’amico Marco Fraceti di
    Unknown

Rifondazione Comunista della Lombardia a fianco dei lavoratori della grande distribuzione in lotta per il contratto, il salario, i diritti.

Sciopero della grande distribuzione - 4/11/2015

Sciopero della grande distribuzione – 4/11/2015

In occasione della giornata di mobilitazione e sciopero della grande distribuzione del 7 novembre, promosso dalle organizzazioni sindacali del settore, Rifondazione sostiene con forza i lavoratori in lotta per il contratto e contro l’attacco ai diritti e al salario.
Lo sciopero ha una valenza importante per tutto il mondo del lavoro perché avviene in un settore dove da anni vengono sperimentate le forme di flessibilità e precarietà più selvagge nella direzione della subordinazione più completa del lavoro all’impresa e al mercato, fino alla messa in discussione della vita privata e familiare dei lavoratori.
Dove non solo ci si scontra con l’arrogante chiusura delle imprese verso il contratto scaduto da 22 mesi, ma si  tenta di imporre un arretramento dei diritti normativi e una diminuzione del costo del lavoro in vari modi come la cancellazione degli scatti di anzianità, la diminuzione dei permessi retribuiti, l’aumento della flessibilità dell’orario,  la diminuzione del costo dell’ora lavorata, la riduzione delle maggiorazioni supplementari per il lavoro straordinario, domenicale, festivo e notturno, il peggioramento del trattamento economico della malattia.
Per noi questa lotta ha un’importanza particolare anche per l’alta presenza, nel settore, di giovani e soprattutto di donne, la componente del mondo del lavoro che subisce le peggiori forme di oppressione, discriminazione e sfruttamento.
Per questi motivi Rifondazione Comunista sostiene con forza lo sciopero della grande distribuzione del 7 novembre e invita le proprie organizzazioni territoriali a contribuire a tutte le iniziative per il successo della lotta dei lavoratori per i diritti, il salario, il lavoro.

La Segreteria Regionale – P.R.C. / S.E. Lombardia
Milano, 6 novembre 2015

Leave a Reply