Presidio Yamaha di Gerno - Lesmo

«Chiedere la cassa in deroga è immorale. Sentirò il prefetto per sgomberare il presidio».

Dichiarazione del 24 dicembre 2011 di Marco Desiderati (Lega - Nord) Sindaco di Lesmo e Deputato della Repubblica

Questa è la frase espressa dal Sindaco del Comune di Lesmo e Deputato della Repubblica Marco Desiderati, tramite gli organi di stampa, a seguito della “lettera aperta” scritta dal Circolo di Lesmo Camparada e Correzzana del Partito Democratico.
Il contenuto della stessa sollecitava l’intervento dell’illustre cittadino all’incontro in Provincia per cercare di risolvere la questione, ormai improrogabile delle lavoratrici e dei lavoratori di Yamaha Motor Italia in presidio permanente dal 13 Dicembre 2010.
L’onorevole Marco Desiderati ha espresso affermazioni gratuite, offensive e prive di ogni sensibilita’ politica ed umana; senza MORALITA’ nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori in cassa integrazione e delle loro famiglie che il 10 gennaio 2012, si affacceranno sul baratro della disoccupazione.

L’onorevole Sindaco Marco Desiderati non ha difeso il lavoro e le unita’ produttive presenti sul territorio del proprio Comune.

L’ onorevole Sindaco Marco Desiderati non ha approfondito i motivi e le scelte dell’Azienda: Azienda che ha ricevuto finanziamenti pubblici indiretti a supporto del proprio mercato e che ha dirottato la propria produzione all’esterno ed ha licenziato; Azienda che ha accantonato nel Bilancio dell’anno 2009 un importo superiore a 7 milioni di Euro per “ prudenziale quantificazione degli oneri dei rischi legali connessi all’accordo con le rappresentanze dei lavoratori, nonche’ gli oneri di ripristino del sito.”
L’onorevole Sindaco Marco Desiderati ha affermato che è immorale chiedere la cassa integrazione in deroga in un periodo di crisi: …allora chiediamo a lui: “ Come e’ possibile trovare un lavoro in un periodo di crisi?”

L’onorevole Sindaco Marco Desiderati afferma che il “lodo prefettizio” rappresenta l’unica soluzione per i lavoratori. Quale soluzione? Bene hanno fatto i lavoratori a rifiutare la beffa del lodo. (Un solo lavoratore e’ stato “preso in carico” da AFOL e, ad oggi, e‘ ancora in attesa di una occupazione nonostante si promettevano lavoro ed occupazione per tutti/e !!)

L’onorevole Sindaco Marco Desiderati ha declinato l’invito a presentarsi in Provincia per sedersi al tavolo delle trattative, come, d’altro canto, non è mai venuto ad incontrare le lavoratrici ed i lavoratori per ascoltare, rassicurare e cercare soluzioni.
L’onorevole Sindaco Marco Desiderati non solo ha sempre “spianato la strada” all’Azienda ma ha creato costanti ostacoli alle lavoratrici ed ai lavoratori “brillando per la sua assenza” nelle situazioni critiche.

Il Partito Democratico e la Federazione della Sinistra da sempre vicini e solidali alla lotta delle lavoratrici e dei lavoratori di Yamaha Motor Italia esprimono una ferma condanna alle affermazioni del Sindaco ed Onorevole Marco Desiderati riportate dalla stampa.


Partito Democratico, Federazione della Sinistra Monza e Brianza
Gerno di Lesmo, 28 Dicembre 2011