SULLO SCIOPERO DI 4 ORE PROCLAMATO DA CGIL - CISL - UIL DAL 14 AL 29 GENNAIO 2002

PER UN 2002 DI LOTTE E RISULTATI!

Più che "sprecarci" ancora in aggettivi da "cabaret" (sciopericchio!), offensivi dello scontro sociale e politico in atto, lavoriamo per una massicia partecipazione e per grandi manifestazioni in ogni territorio!
E' in atto nel paese uno scontro che va ben oltre le "deleghe" su pensioni e art.18 legge 300, che il governo si appresta a rendere operative.
A "riforme" neo - liberiste si accompagnano sempre più interventi di attacco ai diritti costituzionali.
C'è la necessità della costruzione di un forte movimento di lotte, a partire dai luoghi di lavoro, capace di reggere a lungo lo scontro che il governo Berlusconi ha aperto anche con autoritarismo da regime.
Alla necessaria azione di lotta, unitaria, di tutti i lavoratori e lavoratrici occorre lavorare alla costruzione di un nuovo blocco sociale, per una più forte e vincente opposizione.
Convochiamo attivi di lavoratori e lavoratrici in ogni territorio per chiedere forti manifestazioni, in occasione dello sciopero di 4 ore, e costruire la loro continuità, fino allo sciopero generale.
Danilo Aluvisetti
responsabile dipartimento politiche economiche e del lavoro, PRC - Lombardia
Milano, 23 dicembre 2001