Dalla nube tossica all'evacuazione

Cronologia dei primi quindici giorni dell'incidente di Seveso

10 luglio 1976, ore 12:
dall'Icmesa esce la nube tossica;
14 luglio:
ai primi casi di intossicazione si aggiunge il ritrovamento di animali morti;
15 luglio:
il sindaco di Seveso emette la prima ordinanza di emergenza;
16 luglio:
primi ricoveri nell'ospedale e gli operai si rifiutano di tornare in fabbrica;
18 luglio:
il pretore di Desio apre un'inchiesta. La fabbrica verrā chiusa con un'ordinanza del sindaco di Meda;
20 luglio:
nei laboratori Givaudan a Zurigo č stata identificata la sostanza tossica: č diossina;  
21 luglio:
direttore e vicedirettore dell'Icmesa arrestati per disastro colposo;
23 luglio:
dal vertice in prefettura nessun provvedimento di emergenza;
24 luglio:
si decide di evacuare un'area di 15 ettari;
25 luglio:
si mettono i reticolati intorno alla zona;
26 luglio:
179 le persone evacuate, trasferite a Bruzzano.

Checchino Antonini
Seveso, 23 febbraio 2002
da "Liberazione"