Conseguenze sociali gravissime in Lombardia e soprattutto a Milano

IL CENTRODESTRA ESULTA SULLA PELLE DELLA POVERA GENTE

AFFOSSATO IN SENATO IL DECRETO LEGGE SUGLI SFRATTI

“Non si cerca il vantaggio politico sulla pelle della gente. Perché ora, per le tantissime famiglie in difficoltà con disagio abitativo, ricomincerà un vero e proprio calvario”. 

Così Gianni Confalonieri, senatore lombardo di Rifondazione Comunista e relatore a Palazzo Madama del provvedimento, commenta quanto accaduto stamattina in Aula sul decreto di proroga per gli sfratti.

“Sfruttando qualche assenza - prosegue Confalonieri - l’opposizione ha presentato una pregiudiziale di costituzionalità, del tutto infondata, e ha così sacrificato a un risultato politico sul centrosinistra decine di migliaia di famiglie, prive di tutela e per lo più povere, con anziani, malati e portatori d’handicap.

Questo decreto  - conclude Confalonieri - era atteso da Comuni e Regioni, con cui peraltro era stato concordato, aveva il consenso di tutte le parti sociali ed era molto importante poiché legava l’emergenza degli sfratti alla ripresa di politiche abitative a lungo termine. Ma l’opposizione ha preferito la speculazione politica. E così in Aula hanno vinto loro e, fuori, gli interessi delle grandi proprietà immobiliari, le cui pressioni, evidentemente, hanno avuto successo. Stamattina è stato davvero superato un limite che ritengo invalicabile: quello del rispetto per la gente, per i cittadini più deboli e svantaggiati”.

“Anche la Regione Lombardia, con l’assessore Scotti – incalza Mario Agostinelli, capogruppo regionale lombardo del Prc – aveva partecipato all’iter di costruzione di questo decreto, ritenuto assolutamente necessario. 

Ora - prosegue il capogruppo -  il suo affossamento da parte delle forze di opposizione in Senato provocherà conseguenze sociali gravissime in Lombardia e soprattutto a Milano, dove migliaia di famiglie, spesso con ultrasessantacinquenni o con disabili a carico, si ritroveranno senza alcuna tutela e senza alternativa rispetto a un diritto fondamentale, garantito dalla Costituzione, come quello della casa.

Esprimo davvero profonda indignazione – conclude Agostinelli – di fronte a questo centrodestra esultante per una piccola rivalsa politica che, anche nella nostra regione, andrà a compromettere la stabilità sociale e a penalizzare fortemente persone in condizioni di pesante disagio”.

Manuela Della Nave
Milano, 25 ottobre 2006