La Federazione di Monza Brianza del Partito della Rifondazione Comunista giudica grave che ad Arcore si sia rinunciato a svolgere l段niziativa sulle foibe che avrebbe dovuto tenersi domenica 12 febbraio 2017

Arcore: NO alle intimidazioni fasciste. NO alla memoria a senso unico. Noi vogliamo ricordare tutto.

Rinunciare a svolgere l段niziativa vuol dire darla vinta alle minacce dei gruppi neofascisti, che si sentiranno incoraggiati a proseguire nella loro tracotanza

Morti nel campo di concentramento di Rab

Rab, la Auschwitz dimenticata dagli italiani. Alzi la mano chi ha mai sentito parlare del campo di internamento di Arbe (oggi Rab). Oppure di quelli di Gonars, Monigo, Renicci.

Photo by Internet

La Federazione di Monza Brianza del Partito della Rifondazione Comunista giudica grave che ad Arcore si sia rinunciato a svolgere l段niziativa che avrebbe dovuto tenersi domenica 12 febbraio 2017.

Ricapitoliamo i fatti. L段niziativa, curata dall但npi di Arcore con il Patrocinio del Comune, doveva avere luogo in una sala del Municipio, in occasione della Giornata del Ricordo. Aveva per titolo 的o ricordo tutto, e contemplava la partecipazione di Claudia CERNIGOI, ricercatrice e storica triestina, autrice del libro 徹perazione foibe tra storia e mito. Al suo annuncio, si erano scatenati gruppi di estrema destra (quelli che gestiscono in senso sciovinista e neofascista il tema delle 吐oibe) per contrastare questo evento, intimidire, minacciare azioni di contestazione. Ed erano riusciti a ottenere che il Comune togliesse il patrocinio all段niziativa primo cedimento delle istituzioni. Ma sia la Federazione MB di Rifondazione che l但npi provinciale avevano denunciato questa indebita pressione e invitato alla mobilitazione e alla partecipazione tutti cittadini democratici. Ma poi giunta la notizia che l但npi locale ha rinunciato a svolgere l段niziativa.

La Federazione MB di Rifondazione comunista trova molto grave questo esito. Dichiara di avere piena stima in Claudia Cernigoi, autrice di ricerche fondamentali per una ricostruzione equilibrata e oggettiva degli avvenimenti 1943-45 dei confini orientali; giudica che rinunciare a svolgere l段niziativa vuol dire darla vinta alle minacce dei gruppi neofascisti, che si sentiranno incoraggiati a proseguire nella loro tracotanza, come vediamo in tutta la Brianza, a Milano, a Varese e in tutta la Regione; significa scoraggiare e disarmare gli antifascisti e i cittadini democratici che si erano impegnati a partecipare e a proteggere l弾vento.

Rifondazione Comunista si impegna a organizzare un convegno su questa tematica, ripetendo il titolo dell弾vento che avrebbe dovuto aver luogo ad Arcore, 的o ricordo tutto: tutte le distruzioni e le violenze perpetrate dal fascismo italiano in Yugoslavia al fianco dei nazisti, in Albania, in Grecia, nelle guerre coloniali (Libia, Etiopia). Perch questa la vera memoria, che noi dobbiamo recuperare, diffondere, condividere, contro lo stereotipo vittimista dell駐Italiano brava gente.

Tutta la nostra solidariet a Claudia Cernigoi. Organizziamo l段mpegno antifascista, a partire dalla riflessione su questi fatti.

Giovanna Capelli (Segretaria della Federazione di Monza Brianza del PRC/SE)
Monza, 10 febbraio 2017