Area ex - Falck di Arcore

Quasi il doppio del cemento! Ma qual è il progetto per Arcore?

E' necessario convocare una assemblea pubblica per discuterne.

Area Falck di Arcore

Area Falck di Arcore

Dalla stampa locale apprendiamo che l’accordo con la proprietà dovrebbe essere stato raggiunto, l’amministrazione avrebbe deciso di concedere il permesso all’edificazione per  ben 115 mila mc sull’area ex-Falck al posto dei 67 mila previsti dal piano regolatore.

Apprendiamo inoltre che l’amministrazione considera la quota di 115 mila mc, un buon risultato se rapportato alla richiesta avanzata dal costruttore pari a ben 180 mila mc. Ci chiediamo : e se il costruttore avesse chiesto 1 milione di mc? Allora 650 mila sarebbe stati un buon risultato?  La verità è che su Arcore si sta per abbattere una colata di cemento bella e buona, una colata che porterà ad un aumento dei residenti di quasi il 10% con evidenti impatti sul traffico, sulla richiesta di servizi, sulla produzione di rifiuti, sul consumo di acqua.

Chiediamo nuovamente all’amministrazione di Arcore di ripensare il progetto, riducendo significativamente la quantità di cemento e ripensando ad un utilizzo dell’area  in funzione delle esigenze dei cittadini, di quelli che ci sono già.

Aumentare il numero dei residenti e del costruito porta , a fronte del vantaggio immediato per le casse del comune dato dagli oneri di urbanizzazione, a ipotecare dei costi FISSI E PERENNI che la città si troverà a pagare da oggi in poi: I costi per i servizi  cui i nuovi residenti (giustamente) hanno diritto (scuole, fognature, servizi comunali, acqua, ecc.).

Al di là della questione quantitativa  crediamo che agli arcoresi piacerebbe conoscere la QUALITA’ del progetto in termini di servizi per la città. Scrivere genericamente che ci sarà del verde ad esempio non significa granché, sarebbe importante capire se quel verde sarà fruibile dal quartiere a Sud della ferrovia oppure se si tratterà di un ‘giardinetto condominiale lineare’ piazzato tra le case e la ferrovia e necessario esclusivamente per mitigare la vista delle rotaie ai  nuovi residenti, senza una reale utilità per gli altri 17.000 arcoresi.

Per tutti questo motivi chiediamo all’amministrazione di Arcore la convocazione di una Assemblea pubblica dove sia possibile discutere del progetto nell’interesse della cittadinanza. 

La cementificazione della nostra ex-verde Brianza è un problema che la gente sente come sempre più presente e del quale certamente la politica dovrebbe iniziare a tenere conto, dal canto loro i cittadini lo faranno, al momento del voto.

Associazione per i Parchi del Vimercatese
Vimercate, 10 febbraio 2009
www.parchivimercatese.it